Il gioco jolly di Peacock probabilmente è solo l’inizio dell’era dello streaming dei playoff della NFL

L’unico posto in cui avviene un rovescio nella NFL è sul campo. La Lega raramente fa passi indietro quando si tratta di aumentare le casse per i diritti dei media. Se dovessi scommettere sul fatto che la prima partita esclusiva di playoff NFL trasmessa in live streaming di sabato verrà ripetuta in futuro, faresti bene a scommettere molto sulla stessa cosa che accadrà durante la postseason del 2024.

Hans Schroeder, vicepresidente esecutivo della distribuzione media della NFL, ha detto quasi lo stesso durante una teleconferenza con i giornalisti tre giorni prima della partita.

“Per quanto riguarda esclusivamente il gioco delle carte jolly, siamo entusiasti di continuare la conversazione”, ha affermato Schroeder. “Questo è un accordo per quest’anno, ma è una partita di playoff della NFL. Mi aspetto che susciti molto interesse. “Siamo entusiasti di continuare la conversazione con la NBC su ciò che faremo quest’anno e vedere quali saranno queste opportunità per il prossimo anno.”

Non importa i politici invio di post sui social media, non importa i giocatori attuali con preoccupazionie non importa le lamentele totalmente legittime dei fan per dover pagare un extra per una partita dei playoff della NFL, la lega come entità ha un obiettivo: continuare a fungere da bancomat per i suoi proprietari. È stata una presa di denaro per il presente e il futuro e, in molti modi, il pubblico del gioco è irrilevante per il fatto che la NFL continui a vendere giochi di playoff agli streamer.

Peacock ha pagato 110 milioni di dollari per mandare in onda la vittoria per 26-7 dei Kansas City Chiefs sui Miami Dolphins sabato sera nel round delle wild card dell’AFC, un tentativo di aumentare il suo attuale conteggio di 30 milioni di abbonati. La strategia per Peacock, come per altri streamer che praticano sport in onda, è quella di utilizzare l’esclusività di un importante evento sportivo dal vivo per favorire l’aggregazione di pubblico di massa. È una strategia che storicamente ha funzionato per le entità lineari, e Peacock mantiene la sua strategia nonostante le perdite di 2,8 miliardi di dollari nel 2023. (La speranza di Peacock è che 2,8 miliardi di dollari rappresentino il picco delle perdite).

Ma il gioco si è rivelato un enorme successo di spettatori. Il numero di spettatori su Peacock, sulle stazioni NBC di Miami e Kansas City e sui dispositivi mobili con NFL+, secondo i dati nazionali veloci personalizzati di Nielsen, è stato di 23 milioni di spettatori. Si tratta della partita della NFL più trasmessa in streaming di sempre negli Stati Uniti in base al pubblico medio. La partita Dolphins-Chiefs ha raggiunto il picco di una media di 24,6 milioni di spettatori nel secondo trimestre, compresi gli spettatori fuori casa. La media di 23 milioni di spettatori supera la partita di playoff meno vista dello scorso anno (Los Angeles Chargers contro Jacksonville Jaguars, che ha registrato una media di 20,61 milioni di spettatori sulla NBC) di un paio di milioni di spettatori. (Per un contesto più ampio, i sei giochi jolly dello scorso anno su Fox, CBS, NBC e ABC/ESPN/ESPN2 hanno registrato una media di 28,8 milioni di spettatori.)

Lo ha detto Daniel Cohen, vicepresidente esecutivo della consulenza globale sui diritti dei media presso Octagon L’Atletico che il tasso di abbandono degli abbonati e la pirateria sono le due sfide più grandi per la crescita degli abbonamenti ai video on demand negli Stati Uniti. Questa è una delle domande a cui verrà data risposta tra un paio di mesi: quante persone si sono iscritte per guardare la partita, e poi quante di quei nuovi abbonati cancellati dopo la partita? (L’opzione più economica per acquistare il gioco era $ 5,99 per un piano premium di un mese.) Peacock era in cima alle classifiche di iPhone e iPad sabato sera per quanto riguarda le app scaricate.

La NBC ha naturalmente spinto l’offerta di Peacock per tutto il quarto quarto dello scoppio degli Houston Texans contro i Cleveland Browns sabato scorso, inclusa la proiezione di Taylor Swift che cammina nelle viscere dell’Arrowhead Stadium. Anche la troupe di “Football Night In America” ​​ha venduto il gioco del Peacock, e quel gruppo ha fornito una copertura bonus all’inizio della partita sulla NBC con Ahmed Fareed, Devin McCourty e Chris Simms che fornivano play-by-play su uno schermo diviso del gioco .


Sabato sera, una media di 23 milioni di persone hanno guardato la partita di wild card Dolphins-Chiefs, trasmessa in streaming esclusivamente su Peacock fuori dai mercati di Miami e Kansas City. (David Eulitt/Getty Images)

Rick Cordella, presidente di NBC Sports, ha dichiarato prima della partita che i due grandi obiettivi dell’azienda erano avere una grande produzione e offrire un’esperienza pulita agli utenti di tutta l’America. Non ci sono state segnalazioni diffuse di importanti problemi di streaming, quindi questa è considerata una vittoria per Peacock. (Peacock non può controllare i cosiddetti problemi dell’ultimo miglio, che coinvolgono società locali via cavo e Internet o dispositivi personali.) Il modo in cui hai elaborato il gioco probabilmente dipende da ciò che pensi di Mike Tirico e Jason Garrett e se pensavi che valesse la pena pagare. se fossi nuovo a Peacock. Tirico è sempre un professionista. L’energia di Garrett era molto migliore di quella di Dungy l’anno scorso, anche se ci sono molti analisti NFL migliori. Se eri un tifoso neutrale e non tifavi per Miami o Kansas City, la partita non era molto memorabile.

La prima partita esclusiva della NFL di Peacock, che ha visto i Buffalo Bills sconfiggere i Chargers il 23 dicembre, ha avuto una media di 7,3 milioni di spettatori e ha raggiunto un picco di una media di 8,4 milioni di spettatori dalle 22:45 alle 23:00 ET durante il primo quarto senza pubblicità della NFL trimestre. Anche la partita dei playoff Chiefs-Dolphins è stata priva di pubblicità nel quarto trimestre grazie alla sponsorizzazione di AWS, Geico e Hotels.com. Asso Anthony Crupi dello Sportico saggiamente osservato“Comcast è più investito nella crescita a lungo termine di Peacock che nell’immediato picco di adrenalina che arriva con un extra di 18-20 milioni di dollari in contanti commerciali.”

La NBC ha iniziato a trasmettere in streaming “Sunday Night Football” su Internet nel 2008 ed è stata il primo partner NFL negli Stati Uniti a trasmettere in streaming il Super Bowl (nel 2012). Peacock sarebbe la scelta naturale per farlo di nuovo.

“Lavoriamo su Peacock ormai da diversi anni e siamo entusiasti del piano con cui la NBC è tornata ed è venuta da noi fino in fondo la primavera scorsa”, ha detto Schroeder. “Siamo entusiasti della continua crescita che stiamo vedendo nella nostra distribuzione digitale, sicuramente con ‘Thursday Night Football’ su Amazon, dove il numero di spettatori settimanali si sta avvicinando a quello dell’anno scorso in televisione con Fox e NFL Network.”

Schroeder è stato attento a dire che la NFL resta impegnata a trasmettere la televisione. Questo è vero, anche se sabato sera è sembrato un momento sismico, una linea superata.

“Questa continua ad essere la portata più ampia possibile”, ha detto Schroeder. “Non è possibile raggiungere 190 milioni di persone nel corso dell’anno senza avere una distribuzione molto ampia dei propri contenuti, e questo è sempre stato un fondamento per noi e penso che sia un vero elemento di differenziazione per noi rispetto ad altri sport. Tutti i nostri giochi vengono trasmessi in televisione, almeno nel loro mercato, e probabilmente il 90% dei nostri giochi viene trasmesso come piattaforma principale. Per noi rimane davvero importante. Vediamo la continua evoluzione nel panorama dei media e vogliamo essere dove sono i nostri fan. “Sappiamo che sono sempre più numerosi, soprattutto i fan più giovani, su schermi diversi.”

La tua potenziale antipatia per questo è comprensibile, ma la NFL non torna indietro. Scommetto che questo accadrà di nuovo il prossimo gennaio.


La scorsa settimana c’è stata un’assunzione inaspettata da ESPN: Nick Kyrgios sarà un commentatore ospite per la copertura di ESPN degli Australian Open 2024. Il 28enne finalista di Wimbledon nel 2022 è una delle figure più popolari e polarizzanti di questo sport. Ho perso tutti e quattro gli major nel 2023 a causa di infortuni al polso, al ginocchio e al piede e ha recentemente affermato la sua carriera da giocatore è vicino alla fine.

Come si sono uniti il ​​giocatore australiano e la patria americana del tennis? Mark Gross, vicepresidente senior, produzione ed eventi remoti per ESPN, ha affermato che Stuart Duguid, che rappresenta Kyrgios, ha contattato ESPN per valutare il loro interesse per il suo cliente che lavora agli Australian Open.

“L’accordo si è concluso abbastanza rapidamente a causa dell’interesse di entrambe le parti”, ha detto Gross. “Il piano è di avere Nick in onda in prima serata sulla East Coast. “Crediamo sicuramente che Nick sarà molto bravo in onda e vogliamo assicurarci che la maggior parte del nostro pubblico lo veda e ascolti (invece di averlo in onda nelle ore notturne).”

Gross ha detto che Kyrgios gestirà un mix di partite e lavoro in studio a seconda del giorno e del programma. Per ora, l’accordo è solo per gli Australian Open, ma ESPN è sicuramente aperta a esplorare cose in futuro. Lui e John McEnroe hanno convocato la partita Stefanos Tsitsipas-Zizou Bergs domenica sera per ESPN e i primi risultati sono stati eccellenti.

“Per ora si tratta solo degli Australian Open, ma saremo sicuramente aperti a parlare con Nick e Stuart delle opportunità future”, ha detto Gross. “In tutta onestà nei confronti di Nick e degli appassionati di tennis, speriamo che Nick scenda presto in campo in modo da poter coprire le sue partite.”

VAI PIÙ PROFONDO

Intervista esclusiva a Nick Kyrgios: “Mi sento più rispettato negli Stati Uniti che in Australia”


— Nota piuttosto interessante che Noah Eagle ha chiamato la partita Texans-Browns sulla NBC mentre suo padre, Ian Eagle, ha chiamato lo stesso gioco per Westwood One Audio.

— ESPN ha affermato che “Sunday NFL Countdown” ha avuto la sua stagione regolare più vista dal 2019 e la seconda migliore dal 2016, con una media di 1,335 milioni di spettatori per spettacolo. Il numero di spettatori è aumentato dell’8%.

— L’ex stella della nazionale statunitense Ali Krieger si è unito alla copertura calcistica di CBS Sports come analista di studio.

– L’elenco completo delle partite di football universitario di ESPN in questa stagione ha registrato una media di 4,6 milioni di spettatori in 40 partite totali, in crescita del 5% anno su anno.

— La partnership tra NFL ed ESPN potrebbe presto intrecciarsi maggiormente con la lega in trattative avanzate per acquisire una partecipazione azionaria nella rete sportiva.

— Divertente da vedere Jimmy Johnson, analista della Fox NFL Sunday amplificalo.


Alcune cose che ho letto nelle ultime due settimane che mi hanno interessato (ci sono paywall qui):

Bryan Curtis di The Ringer esamina le ultime due settimane presso ESPN.

• Un ragazzo dei giornali dell’Iowa è scomparso 41 anni fa. Sua madre è ancora impegnata nel caso. Di Thomas Lake della CNN.

• Era il Patriot Way, finché non lo fu più. Di Seth Wickersham, Wright Thompson e Don Van Natta Jr. di ESPN.

• ESPN ha utilizzato nomi falsi per assicurarsi gli Emmy per le star di ‘College GameDay’. Di Katie Strang di L’Atletico.

• La balena che se ne andò. Di Ferris Jabr per il New York Times Magazine.

Bellissimo pezzo di Jeff Pearlman: VJ Lovero e l’epoca passata del fotografo sportivo.

• Una stella nascente nei processi per celebrità come quello di OJ Simpson. Poi una morte silenziosa e misteriosa. Di Harriet Ryan del LA Times.

• Un ictus ha portato via le parole di Charlie Manuel. Il baseball li sta restituendo. Di Matt Gelb di L’Atletico.

• Produttore sportivo della NBC Annie Koeblitz e lo scrittore della NFL Peter King ha prodotto un bellissimo film sull’allenatore dei linebacker dei Niners Johnny Holland, che sta combattendo contro una rara forma di cancro.

• Il preside della Perry High School, Dan Marburger, ferito nella sparatoria del 4 gennaio, muore. A cura dello staff del Des Moines Register.

• Tom Shales, critico televisivo vincitore del Pulitzer dall’arguzia raffinata, muore a 79 anni. Di Adam Bernstein e Brian Murphy del Washington Post.

• Un regista stava producendo una serie di documentari sulla crisi degli ostaggi in Iran. Poi suo padre è scomparso all’estero. Di Lucy Sexton e Joe Sexton per The Atavist.

• La Cina non è riuscita a influenzare le elezioni di Taiwan. Che succede ora? Di Damien Cave del New York Times.

• Ha trascorso la vita costruendo uno stereo da 1 milione di dollari. Il costo reale era insondabile. Di Geoff Edgers del Washington Post.


Episodio 361 del podcast Sports Media presenta Karen Brodkin, co-responsabile di WME Sports e vicepresidente esecutivo presso la società madre, Endeavour, e Hillary Mandel, vicepresidente esecutivo e responsabile dei media per le Americhe per IMG, una società Endeavour. Brodkin e Mandel hanno lavorato come consulenti su una quantità infinita di accordi con i media, da quelli di singole squadre a quelli di campionato. Recentemente hanno lavorato come consulenti per la NCAA per il suo accordo di otto anni da 920 milioni di dollari con ESPN.

In questo podcast, Brodkin e Mandel spiegano il loro lavoro e le competenze necessarie per svolgerlo; l’uso della ricerca nella valutazione dei punti di accordo; l’attuale contesto economico per i diritti dei media sportivi; perché la NCAA alla fine ha deciso di non separare il torneo di basket femminile dagli altri campionati; perché gli sport universitari femminili sono in aumento; il Pac-12 che cade a pezzi; L’accordo di playoff di Peacock con la NFL e cosa significa per i consumatori andare avanti e altro ancora.

Puoi iscriverti a questo podcast su Podcast Apple, Google Play, Spotify e altro.

VAI PIÙ PROFONDO

Cosa succederà dopo per Pat McAfee ed ESPN? Dove stanno le cose tra la star e la rete

(Foto in alto del cartello del Pavone in mostra sabato all’Arrowhead Stadium di Kansas City: Scott Winters / Icon Sportswire tramite Getty Images)