Le turbolenze di Claudine Gay spingono la “corporazione” segreta di Harvard sotto i riflettori

Martedì, il giorno prima che Harvard riconoscesse ulteriori problemi con il lavoro accademico del suo presidente, due membri del suo organo di governo si sono seduti in una sala da pranzo privata al Bar Enza, un famoso ristorante di Cambridge, e hanno affrontato una grigliata.

Si trattava di un’opportunità estremamente rara per un piccolo gruppo di eminenti accademici di parlare direttamente ai membri del solitario consiglio responsabile della scuola, mentre attraversava un periodo turbolento. Il campus è stato scosso dalle richieste di dimissioni del presidente di Harvard, Claudine Gay, dopo le accuse di plagio e la rabbia per la sua gestione dell’antisemitismo e delle minacce agli studenti ebrei, che hanno stimolato una rivolta dei donatori.

Ai due membri del consiglio, la fondatrice dell’organizzazione no-profit Tracy Palandjian e il dirigente del private equity Paul Finnegan, è stato detto direttamente che dovevano fare di più per affrontare il vortice in corso che consumava il campus.

“Dovete essere più aperti di fronte a questo”, ha ricordato di aver detto loro Jeff Flier, l’ex preside della Harvard Medical School. “Se le persone dicono che l’università sta commettendo errori, stanno parlando di te!”

Il gruppo potente e riservato che gestisce Harvard, noto come Harvard Corporation, ha proiettato unità in mezzo al tumulto incessante attorno al dottor Gay. Quello del consiglio 12 dicembre L’annuncio di sostenere la Dott.ssa Gay, che ne è anche membro, è stato seguito dal silenzio, anche sulla scia delle crescenti richieste di rimozione da parte di potenti donatori, ex studenti e personaggi dei media.

Eppure le conversazioni private con donatori, professori e altri indicano che ci sono segnali di tensioni tra i membri del consiglio. Alcuni membri hanno ammesso che devono affrontare le tempeste impetuose, hanno detto le persone coinvolte in quelle conversazioni. I critici e i simpatizzanti che hanno cercato di consigliare privatamente il consiglio affermano che i membri hanno mostrato poco slancio concreto verso un cambiamento del loro approccio.

Al Bar Enza, secondo le persone presenti, i membri dell’associazione non hanno avuto risposte concrete alle richieste di intervento dei professori. I professori non hanno chiesto le dimissioni del dottor Gay, ma piuttosto una spiegazione del piano del consiglio per stabilizzare la scuola, ha detto Steven Pinker, uno psicologo di Harvard presente al tavolo. I membri del consiglio si sono scusati in silenzio e hanno promesso follow-up.

I membri del consiglio sembravano consapevoli della crescente disapprovazione. Uno portava con sé una cartella di articoli critici nei confronti dell’università, ha confermato un portavoce di Harvard.

Il messaggio generale, trasmesso dal dottor Pinker, era che “erano più o meno d’accordo con noi” sul fatto che la società aveva contribuito a creare alcuni dei problemi che ora doveva risolvere.

La signora Palandjian ha detto al gruppo della cena, i leader di a consiglio di Harvard sulla libertà accademica, che la sostituzione del rettore dell’università potrebbe non essere sufficiente per riportare Harvard sulla buona strada. Harvard richiedeva un “cambio generazionale”, ha detto.

La signora Palandjian non ha risposto alle richieste di commento, mentre il signor Finnegan e altri membri dell’azienda si sono rivolti a un portavoce di Harvard.

Il portavoce, Jonathan Swain, ha descritto la cena come una “conversazione costruttiva e positiva sull’importanza della libertà accademica, del discorso civile e della diversità intellettuale”.

Ha aggiunto che “la discussione sul ‘cambio generazionale’ è avvenuta in quel contesto; che affrontare una questione sociale così vitale e complessa non avverrebbe dall’oggi al domani, ma richiederebbe tempo. Non era imparentato con nessun individuo di Harvard.

Non è chiaro cosa potrebbe fare il consiglio con il feedback della cena, ma tali incontri suggeriscono che i membri stanno lavorando attivamente per sedare lo sconvolgimento.

Gran parte della costernazione riguardo al consiglio deriva dalla natura stessa e dalle tradizioni della stessa Harvard Corporation, fondata nel 1650, per governare Harvard. Sul suo sito web si vanta di essere la più antica società dell’emisfero occidentale. Il sito dice poco altro sul gruppo oltre a elencare i membri e a caratterizzare i loro compiti come esercizio di “responsabilità fiduciaria riguardo alle risorse accademiche, finanziarie e fisiche dell’università e al benessere generale”.

Per secoli, l’azienda ha guidato l’università a porte chiuse e con una trasparenza minima, prendendo decisioni al riparo dal controllo pubblico. Questi tratti hanno a lungo frustrato le facoltà. Ma sotto la guida della società, Harvard si è assicurata lo status di potenza accademica globale, con una dotazione di 50 miliardi di dollari.

Nel 2010, la società ha annunciato l’intenzione di farlo espandere da sette a 13 membri e, così facendo, ha affermato che sarebbe diventato più trasparente e comunicativo nei confronti degli studenti e dei docenti.

La moderna società, che attualmente conta 12 membri, è responsabile della salute finanziaria dell’università e di alcune decisioni chiave, ma forse il suo ruolo più importante è la selezione e il successo del presidente di Harvard.

Nel 2022, dopo che Lawrence S. Bacow, allora presidente di Harvard, annunciò che intendeva dimettersi, Penny Pritzker, membro del consiglio, imprenditrice miliardaria ed erede della fortuna dell’hotel Hyatt, guidò la ricerca del suo successore da parte della società.

I funzionari hanno affermato di aver preso in considerazione più di 600 candidature e di aver annunciato il dottor Gay nel dicembre 2022. La ricerca di cinque mesi è stata la più veloce ad Harvard in quasi 70 anni, Lo ha riferito il giornale studentesco Harvard Crimson.

Il consiglio ha rifiutato di dire chi tra i membri della società era stato responsabile della revisione del suo lavoro, o quali accademici esterni hanno arruolato per aiutarli.

Durante il fine settimana in cui la società si è riunita per decidere il futuro della dottoressa Gay, lei ha partecipato ad alcune di quelle discussioni e ha avuto l’opportunità di rivedere la dichiarazione della società del 12 dicembre in sua difesa prima che diventasse pubblica, hanno detto due persone coinvolte nel processo.

Secondo una persona consultata dalla società, l’organismo ha discusso ma ha deciso di non rilasciare una revisione dettagliata e pubblica indipendente sullo stile dell’Università di Stanford, il cui presidente si è dimesso quest’estate.

Il consiglio di amministrazione di Harvard è guidato dalla signora Pritzker, che è stata una delle prime sostenitrici della presidenza di Barack Obama e in seguito ha ricoperto il ruolo di segretario al commercio sotto la sua amministrazione. Nonostante il suo ruolo di leadership, la signora Pritzker, sostenitrice del Dr. Gay, non ha parlato pubblicamente da quando è iniziata la controversia, lasciando che sia l’azienda a comunicare attraverso un’unica dichiarazione pubblica.

Gli altri 10 membri, oltre al Dr. Gay, includono finanziatori relativamente sconosciuti, donatori, un ex giudice della Corte Suprema della California, il ex amministratore delegato di American Express ed ex presidenti di università di Princeton E Amherst College.

Il consiglio si riunisce più volte l’anno e i membri restano in carica sei anni, rinnovabili una volta. Il modo in cui identifica e sceglie i suoi membri, conosciuti come fellows, è qualcosa di misterioso. I membri uscenti aiutano a selezionare i propri sostituti.

La signora Pritzker è stata il principale punto di contatto per i principali donatori e per altri che cercavano di consigliare Harvard sul percorso da seguire.

Il consiglio cerca di costruire un gruppo completo di persone con competenze complementari per aiutare a governare l’università, ha affermato Richard Chait, professore emerito ad Harvard che ha studiato governance nell’istruzione superiore ed è stato consigliere quando la Harvard Corporation allargato di dimensioni più di dieci anni fa.

Anche dopo l’espansione, il comitato è ancora più piccolo dei consigli di amministrazione di molte altre importanti università, secondo il dottor Chait, il quale ha affermato che l’università privata media ha circa 30 o più membri del consiglio.

I membri del consiglio non sono retribuiti per il loro ruolo. “Non solo non viene pagato, ma c’è l’aspettativa di un flusso di cassa inverso: tutti gli amministratori si aspettano che l’istituzione costituisca una priorità filantropica coerente con le loro possibilità”, ha affermato il dottor Chait.

La società è intervenuta su questioni chiave: ad esempio, nel 2016, ha approvato una modifica allo scudo della facoltà di giurisprudenza di Harvard, che è stato modellato sullo stemma di uno schiavista del XVIII secolo.

Nelle ultime settimane, più docenti, donatori, ex studenti ed esterni hanno sollevato dubbi sull’apparente fallimento della società nel controllare la borsa di studio della dottoressa Gay prima di promuoverla alla presidenza a luglio e per il suo conseguente silenzio nelle ultime settimane.

“L’azienda avrebbe dovuto fare i compiti, e a quanto pare non l’ha fatto”, ha detto Avi Loeb, un professore di scienze di Harvard che è stato pubblicamente critico nei confronti della risposta della scuola dopo l’attacco di Hamas contro Israele in cui sono state uccise circa 1.200 persone.

“Non si impegnano nelle critiche come dovrebbero”, ha detto il signor Loeb della società. “Non vogliono che le persone che non sono d’accordo con loro parlino con loro.”

Due giorni dopo che la Harvard Corporation ha rilasciato la sua dichiarazione del 12 dicembre in cui riaffermava il sostegno al dottor Gay, ha incontrato i professori della facoltà di giurisprudenza, durante i quali ha detto che stava cercando suggerimenti su come andare avanti.

Durante l’incontro, un professore ha chiesto perché i dettagli dell’indagine sul suo plagio non fossero stati resi pubblici. Il dottor Gay ha detto che è stata una decisione della Harvard Corporation quella di mantenere il rapporto privato, secondo una persona presente e un’altra a cui è stato detto dell’incontro.

La società, ha detto, stava lavorando con le pubblicazioni a cui aveva presentato il suo lavoro per apportare correzioni.

Il professore ha quindi suggerito che la dottoressa Gay considerasse di pubblicare lei stessa il rapporto o i dettagli dell’indagine. La dottoressa Gay ha detto che avrebbe preso in considerazione l’idea di farlo.

Il dottor Gay ha rifiutato una richiesta di commento. Il portavoce di Harvard ha detto che il dottor Gay ha incontrato questo autunno “molti ex studenti, sostenitori e docenti in conversazioni individuali”.

L’approccio riservato e l’opacità del consiglio hanno messo a disagio anche coloro che in precedenza si erano radunati attorno al dottor Gay. Ciò è in parte dovuto al fatto che la società non ha rivelato di aver tranquillamente indagato sul lavoro accademico del dottor Gay da ottobre, quando è stato contattato per la prima volta da un giornalista del New York Post riguardo alle accuse di plagio contro di lei.

Docenti e donatori affermano che i membri del consiglio, rifiutandosi di essere più aperti, hanno lasciato importanti questioni in sospeso sulla scuola e sul dottor Gay. Tra i più insistenti: perché non hanno rivelato l’indagine prima e quando, esattamente, la società – e i massimi amministratori di Harvard – hanno sentito per la prima volta delle accuse di plagio contro il dottor Gay? Com’è possibile che un piccolo gruppo di attivisti conservatori sembrasse saperne di più sulla borsa di studio della dottoressa Gay rispetto all’organo di governo responsabile della verifica della sua selezione?

Sabato, alla domanda se il consiglio avrebbe riaffermato pubblicamente il suo sostegno al dottor Gay, il portavoce di Harvard ha detto che la società non aveva nulla da aggiungere oltre alla dichiarazione del 12 dicembre a sostegno del dottor Gay, che ha preceduto l’ultima ondata di accuse di plagio.

“Sarebbe saggio intraprendere azioni che possano ricostruire la fiducia”, ha affermato Omar Sultan Haque, docente di salute globale alla Harvard Medical School. “Ammettere gli errori, evitare dichiarazioni ambigue e aprire le prove e il processo decisionale dell’azienda in modo che qualsiasi risultato possa essere compreso da tutti, passo dopo passo, comprese le tempistiche per ciò che era noto, quando e da chi.”

Il dottor Pinker, lo psicologo di Harvard che ha partecipato alla cena con i membri dell’azienda, e sei stato critico nei confronti di Harvard, ha affermato che il dovere fiduciario del consiglio “è quello di salvaguardare la reputazione dell’università a lungo termine, e sotto la loro sorveglianza ciò non è accaduto”.

“Ci sono problemi profondi”, ha aggiunto, “e sono i problemi dell’azienda”.

Sarah Mervosh, Dana Goldstein E Jennifer Schuessler ha contribuito alla segnalazione.